Consultazione pratiche Help Desk
Per accedere ad alcuni servizi è necessario registrarsi Registrazione ed Accreditamento Accedi

      Nella presente pagina si illustra brevemente la corretta procedura per la presentazione di istanze, dichiarazioni, segnalazioni e comunicazioni al Comune, concernenti i procedimenti che abbiano ad oggetto l’esercizio di attività produttive e la prestazione di servizi.

Registrazione ed accreditamento

     L’istanza telematica al SUAP può essere presentata da uno dei seguenti soggetti, in possesso di carta di identità o di permesso di soggiorno (per i cittadini extracomunitari):

1)     Titolare: è una persona che ha titolo alla presentazione dell’istanza (legale rappresentante, amministratore etc.);

2)   Delegato: è la persona fisica (di norma un professionista, commercialista, avvocato, ingegnere, geometra, etc.) cui il titolare interessato, tramite apposita procura speciale recante firma autografa (il cui modello è reso disponibile tra la modulistica SUAP), decide di affidarsi per la redazione e la presentazione della domanda. E’ compito del delegato, presso il quale con la procura speciale il titolare elegge il domicilio digitale, informare puntualmente l’interessato circa lo stato della pratica e le eventuali comunicazioni che possono giungere dal SUAP;

3)     Agenzia per le Imprese (art.1, comma 1, lett.a, decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010, n.160): sono soggetti privati (associazioni di categoria, ordini e albi professionali, patronati …) accreditati che svolgono funzioni di natura istruttoria e di asseverazione nei procedimenti amministrativi. L’interessato, tramite apposita procura, può incaricare l’Agenzia di seguire per suo conto tutte le fasi della pratica, dalla presentazione sino alla conclusione del procedimento.

      Le presentazioni al SUAP e la consultazione dello stato dell’iter amministrativo che le stesse attiveranno possono essere effettuate esclusivamente da soggetti registrati ed accreditati (vedasi al proposito la sez. Registrazione ed Accreditamento).

I diversi tipi di procedimenti del Suap

     Nel SUAP è previsto un procedimento automatizzato (nel caso in cui le attività sono soggette alla disciplina della SCIA e per le comunicazioni) ovvero un procedimento ordinario in presenza di istanze sulle quali l’amministrazione ha potere discrezionale (artt.7 e 8 del decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010, n.160).

 Il procedimento SCIA

     Nei casi in cui le attività sono soggette alla disciplina della segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA) prevista dall’art.19 della legge 7 agosto 1990, n.241, la segnalazione è presentata al SUAP che verifica, con modalità informatica, la completezza formale della segnalazione e dei relativi allegati. In caso di verifica positiva, il sistema informatico rilascia automaticamente la ricevuta e il richiedente può avviare immediatamente l’attività.

     Si ricorda che la SCIA non trova applicazione quando sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali ovvero nel caso in cui sussista la necessità di ricorrere a procedure diverse a causa di atti emessi dalle amministrazioni preposte alla difesa nazionale, alla pubblica sicurezza, all’immigrazione, all’asilo, alla cittadinanza, all’amministrazione della giustizia, all’amministrazione delle finanze.

     Per meglio comprendere  l’ambito di applicazione della SCIA si consiglia la lettura del testo integrale dell’art.19 della L. 241/90 integrato dalle successive modifiche ed integrazioni:

Il procedimento ordinario

     Per i casi che non rientrano nel procedimento automatizzato (SCIA), le istanze sono presentate al SUAP che, entro trenta giorni dal ricevimento, salvi i termini più brevi previsti dalla disciplina regionale, può richiedere all’interessato, se dovuta o necessaria, l’eventuale documentazione integrativa; decorso tale termine l’istanza si intende correttamente presentata.

     Verificata la completezza della documentazione, il SUAP adotta il provvedimento conclusivo entro i successivi trenta giorni, salvi i termini più brevi previsti dalla normativa regionale, ovvero indice una conferenza di servizi.

    Quando è necessario acquisire intese, nulla osta, concerti o assensi di diverse amministrazioni pubbliche, il SUAP ovvero a fronte di una istanza presentata dal soggetto interessato, dal suo procuratore o dell’Agenzia per le Imprese, indice una conferenza di servizi per acquisirne i pareri ai sensi e per gli effetti della legge 241/90 e delle altre normative di settore, 

     La conferenza di servizi è sempre indetta nel caso in cui i procedimenti necessari per acquisire le intese, nulla osta, concerti o assensi abbiano una durata superiore ai novanta giorni ovvero nei casi previsti dalle discipline regionali.

     Scaduto il termine di 60 giorni, ovvero in caso di mancato ricorso alla conferenza di servizi, si applica l’art.38, comma 3, lett.h) della legge 6 agosto 2008, n.133. In sostanza, l’Amministrazione procedente conclude in ogni caso il procedimento prescindendo dal rilascio dei pareri/atti di assenso che non sono stati emanati; in tal caso, salvo il caso di omessa richiesta dell’avviso, il responsabile del procedimento non può essere chiamato a rispondere degli eventuali danni derivanti dalla mancata emissione dei pareri medesimi.

 

Scelta del settore di appartenenza, del tipo di attività e dell’oggetto della richiesta per l’esatta individuazione del modulo da utilizzare

     Al fine di guidare l’interessato nella individuazione dello specifico procedimento SUAP da utilizzare nella presentazione, si è provveduto a distinguere i diversi settori di attività, e ad accorpare, nell’ambito di ciascuno di essi, la modulistica specifica.

Esempio:

 

Scheda informativa del singolo procedimento

Una volta individuato il procedimento che il presentante intende attivare, tramite doppio click del mouse sulla riga si accede ad una scheda informativa contenente le notizie dovute per legge ed inerenti l’inquadramento dell’attività svolta, la normativa di riferimento, i requisiti soggettivi ed oggettivi necessari per attivare il procedimento richiesto, la documentazione da presentare, gli eventuali oneri da assolvere, gli estremi del responsabile Suap.

Esempio:
Scheda informativa del procedimento
Settore di appartenenza: Commercio

Tipo di attività: Esercizio di vicinato
Oggetto della domanda: Modulo SCIA per apertura esercizio di commercio al dettaglio di vicinato

Evento: Apertura

 

 

 

Compilazione della domanda e dei relativi allegati

     La compilazione della domanda e degli allegati richiesti può essere fatta in 2 distinti modi:

1)    online: si compila direttamente il modulo sulla pagina web;

2)    si scarica e si salva il modulo sul proprio computer per procedere poi alla sua compilazione negli appositi campi; completata la compilazione si effettua l’upload del modulo.

Non si devono compilare (manualmente), ne’ acquisire tramite scanner, i moduli scaricati dal portale, è sufficiente inserire i dati negli appositi campi tramite personal computer per poi effettuare l’upload nell’apposito step di compilazione della pratica.

La firma digitale (smart card o business-key), da parte di tutti i soggetti interessati, va apposta sugli allegati aggiunti alla pratica e nel riepilogo finale.

Non devono essere firmati i moduli scaricabili durante la compilazione della pratica: questi saranno infatti riaccorpati nel riepilogo finale

La pratica può essere compilata in più riprese, è sufficiente infatti riaccedere successivamente al sistema  attraverso la voce di menù “Consultazione pratiche” del portale dove è possibile completare esattamente dal punto in cui si era arrivati.

CONSIGLI PER LA SCANSIONE DEI DOCUMENTI DA ALLEGARE

  Il portale non riceve documenti informatici di dimensioni superiori a 5 Mb, il limite totale consigliato è di 15 Mb.COME CONVERTIRE IN DIGITALE UN DOCUMENTO CARTACEO NEL MIGLIORE DEI MODI

  In generale, lo scanner può essere impostato con i seguenti parametri consigliati:

  Risoluzione: 150 o 200 dpi
  Colore: scala di grigi (grayscale) (NON usare colore se non è espressamente richiesto)
  Formato: pdf (raccomandato) o jpeg.

  In questo modo si otterrà un documento molto più leggero ma sempre perfettamente leggibile e stampabile.

ALCUNE INFORMAZIONI GENERALI

  I documenti cartacei convertiti in digitale raramente superano i 3.0MB: di solito infatti si possono inserire centinaia di pagine in un file di 3.0MB. Non vi è alcun modo per dire esattamente quante pagine è possibile racchiudere in un file di meno di 3.0MB durante        la scansione, ma ecco alcuni esempi:
  100 pagine convertite in PDF possono entrare solo 1.5MB.
  100 pagine scansionate ad alta risoluzione possono diventare 18.0MB! 
  100 pagine a scansione a bassa risoluzione possono entrare in soli 3.0MB.

   La chiave per la creazione di un allegato da un documento acquisito è quello di trovare il miglior equilibrio tra qualità e dimensione del file.

  Può essere necessario consultare la documentazione del suo scanner o il sito web del produttore / helpdesk di assistenza. Ogni documento è unico come lo sono l’hardware e il software utilizzato per la scansione ma ci sono diversi fattori che possono generalmente         contribuire alla creazione di immagini digitalizzate di alta qualità con dimensioni adeguate per la lettura e la trasmissione su internet.

Trasmissione del procedimento SCIA

Il procedimento SCIA segue le stesse modalità degli altri procedimenti ma può essere contestuale alla COMUNICA che in generale è necessaria in caso di variazioni societarie.

Il procedimento on-line della SCIA prevede un passo in cui viene chiesto all’utente se vi è contestualità con la COMUNICA, in caso affermativo con l’invio finale la pratica viene trasmessa al SUAP ed al sistema informatico camerale.

Dopo aver quindi completato la pratica on-line della SCIA presso il portale SUAP è necessario accedere al sistema STARWEB per l’espletamento degli altri adempimenti, da quì è possibile, in corrispondenza della voce SUAP, importare il “pacchetto zip” della pratica già depositato nell’area apposita tramite il portale SUAP.

Nel documento SCIA SUAP e COMUNICA.pdf vengono riportate le schermate che descrivono il procedimento sopraindicato.

 

Consultazione delle pratiche

    Le istanze sono individuate dal numero di repertorio del procedimento (assegnato automaticamente dal sistema all’atto dell’inoltro, e comunicati all’utente tramite PEC). Per ciascuna pratica sono inoltre riportati la data di inoltro, il nome dell’intestatario, il nome del responsabile Suap alla quale è assegnata e lo stato di avanzamento. È possibile anche consultare i documenti già trasmessi.
Si ricorda che la consultazione di ogni documento pubblicato nel presente sito può avvenire in maniera discrezionale, mentre per la trasmissione della Scia occorre seguire obbligatoriamente tutte le fasi riportate nel procedimento Scia.

Guida PDF Front Office

File contenente la guida sul funzionamento del portale


torna all'inizio del contenuto